32 giorni
Durata
Marzo, Aprile, Pasqua
Periodo
Africa
Destinazione
Viaggia con noi
Tipo di Viaggio

Dal 25 marzo al 25 aprile

Io Viaggio In Camper vi condurrà tra i paesaggi e gli scorci affascinanti del Marocco. Passeggeremo tra i vicoli dei suoi bazar tra bancarelle coloratissime e inebrianti profumi di spezie;

potremo lasciarci sorprendere dal silenzio del deserto raggiunto al passo dei dromedari e contemplare il suo cielo notturno. Passeremo attraverso gole e canyon fino a rilassarci davanti a delle bellissime cascate.

Visiteremo città imperiali come Fes e Meknes dove il tempo sembra essersi fermato, rimarremo incantati dal suono dell’incantatore di serpenti nella coloritissima e folcloristica piazza Jemaa el Fnaa a Marraketch, fino a rivestire i panni di Humprey Bogart a Casablanca!

ACCOMPAGNATORI: Gigliola e Carlo Compatangelo

Leggi e scarica il programma completo! Download

Quota di Partecipazione

equipaggio di 1 persona e 1 camper

euro 1.790,00

equipaggio di 2 persone e 1 camper

euro 2.340,00

per la terza persona da 12 anni compiuti

euro 570,00

per la terza persona da 4 fino a 11 anni compiuti

euro 220,00

Quota di Partecipazione

La quota d’iscrizione al viaggio per persona: comprendente copertura assicurativa per rinuncia al viaggio, ass. medica, ass. stradale, furto dei bagagli. NB: La quota iscrizione varia in base alla quota di partecipazione complessiva di servizi facoltativi e di persone in più oltre alle 2 già comprese.

euro 50,00

La quota di partecipazione comprende

  • Guida parlante italiano al seguito con auto per tutto il soggiorno in Marocco
  • Tutti i pernottamenti in aree custodite/camping/parking in Marocco
  • Tutti gli ingressi e tutte le visite ai siti e musei come da programma
  • Traghetto a/r Algesiras-Tangeri-Algesiras per 2 pax e un camper
  • Intera giornata di bus a Fes
  • Escursione guidata in 4×4 nel deserto a Merzouga
  • Intera giornata di bus a Marrakech
  • Ingresso alla Moschea di Hassan II
  • Pranzo di Pasqua a Fes (bevande escluse)
  • Tutte le visite guidate come da programma
  • Incaricato tecnico dell’agenzia al seguito per tutto il viaggio

La quota di partecipazione non comprende

  • Eventuale Traghetto Genova/Tangeri/Genova a/r per 2 persone e un camper: a richiesta
  • NB:l’agenzia può provvedere alla prenotazione di biglietti per la nave da tutti i porti italiani con
    destinazione tangeri
  • Adeguamenti dovuti a variazione tariffe corrispondenti locali
  • Extra e mance
  • I biglietti per poter fotografare o video-riprendere nei siti archeologici e nei musei
  • Parcheggi o campeggi quando indicato “pernottamento libero”
  • I viveri ed i pasti
  • Carburante per i veicoli
  • Pedaggi autostradali e tasse di transito in genere
  • Attrazioni turistiche e culturali eccedenti quelli menzionati nel paragrafo “La quota d’iscrizione
    comprende”
  • I ricambi e il materiale necessari alla riparazione dei veicoli
  • Escursioni con mezzi locali eccedenti quelli menzionati nel programma
  • Tutto ciò che non è riportato nel paragrafo “La quota d’iscrizione comprende”

Leggi e scarica il programma completo!  Download

1° giorno: 25 marzo 2018

Ventimiglia

Incontro con l’incaricato tecnico dell’agenzia a Ventimiglia in  serata.  Pernottamento libero.

2° 3° 4° giorno: 26/27/28 marzo 2017

Ventimiglia – Algesiras (Spa) km 2000

In questi 3 giorni di trasferimento per arrivare in Marocco, attraverseremo Francia e Spagna. Il pernottamento verrà deciso di volta in volta a seconda delle situazioni che si presenteranno lungo il nostro tragitto. Non saranno solo chilometri, anche perché sia la Francia che la Spagna offrono paesaggi e panorami incantevoli. Nella serata del 4° giorno arriveremo ad Algesiras. Pernottamenti liberi.

5° giorno: 29 marzo 2018

Algesiras – Tangeri – Chefchaouen   km 140

In mattinata imbarco sul traghetto che ci porterà a Tangeri, ed incontro con la guida locale parlante italiano. Trasferimento in direzione di Chefchaouen. Chefchaouen è un piccolo gioiello architettonico dichiarato Patrimonio UNESCO dal 2010 e immerso nel Rif, regione montuosa a forma di mezzaluna, nel nord del Marocco. Quella che viene definita la “città blu”, per le caratteristiche tinte delle piccole abitazioni incorniciate dalle montagne di questa regione. Arrivo in serata al camping, sistemazione dei mezzi e pernottamento.

6° giorno: 30 marzo 2018

Chefchaouen – Volubilis   km 190

In mattinata visita di Chefchauen e successivamente trasferimento in direzione di Moulay Idriss, antica città romana del medio Atlante, nel nordovest del Marocco, situata ai piedi del Monte Zerhoun, a solo un’ora da Fez e a 25 chilometri da Meknes. Da secoli luogo di pellegrinaggio, la città di Moulay Idriss è stata fondata da un discendente del profeta Maometto ed è considerata dai mussulmani la città più sacra dopo la Mecca. Pernottamento in campeggio.

7° giorno: 31 marzo 2018

Moulay Idriss – Volubilis – Meknes – Fes km 120

In mattinata trasferimento a Volubilis e visita guidata del sito riconosciuto come patrimonio dell’umanità da parte dell’Unesco. Volubilis è il sito archeologico più importante del Marocco, ed è anche il meglio conservato e il più evocativo. La giornata continua con la sosta per visita guidata di Meknes, prima città imperiale che incontriamo durante il nostro cammino. Iscritta dall’Unesco tra i monumenti Patrimonio dell’Umanità, Meknes è anche conosciuta come la Versailles del Marocco o la città dei cento minareti. Nel tardo pomeriggio arrivo a Fes. Sistemazione dei mezzi nel campeggio e pernottamento.

8° giorno: 1 aprile 2018

Fes

Intera giornata di visita guidata in bus della città. La città vecchia è, per i suoi monumenti, i suoi mercati e le sue moschee, uno dei centri più attraenti di tutto il mondo islamico. Tra le maggiori città del Marocco, Fès è la più antica delle quattro Città Imperiali e deve questo prestigio alla sua prevalenza politica secolare e all’importanza della sua antica università sulla cultura e sull’arte del Nordafrica musulmano. La città ha un importante tradizione anche nella produzione di tappeti, filati, lavorazione di metalli e pellami. Il bello di Fes non sta tanto nelle cose da vedere ma nel perdersi tra le sue particolari stradine. Visitare la medina significa girovagare a zonzo nel suo intricato labirinto, lasciarsi portare dalla curiosità, farsi trasportare dai colori e dagli odori. Rientro al camping in serata e pernottamento.

9° giorno: 2 aprile 2018

Fes – Ifrane – Azrou –  Gole dello Ziz  km. 310

Tappa di trasferimento in direzione delle gole dello Ziz. Durante il tragitto fermata a Ifrane, una graziosa località del Marocco a più di 1.700 metri. Soprannominata la Piccola Svizzera non solo perché d’inverno si scia ma per la sua atmosfera Europea. Proseguiamo il viaggio passando per Azrou un centro berbero molto accogliente, porta delle montagne del Medio Atlante.  Dirigendosi verso sud arriviamo quindi nella Valle dello Ziz appena dopo aver percorso il Tunnel del Legionario, scavato dai francesi in periodo coloniale. Dopo aver oltrepassato questa corta galleria lo scenario naturalistico diventa incantevole. Arrivo in camping. Sistemazione dei mezzi e pernottamento.

10° giorno: 3 aprile 2018

Gole dello Ziz  – (Errachidia – Erfoud) Merzouga km 170

TIn mattinata partenza per una tappa di trasferimento passando per Errachidia, città moderna fondata dalla Legione Straniera francese all’inizio del XX secolo. Errachidia, a partire dall’indipendenza del Marocco, ha conservato lo statuto di città militare con un’importante guarnigione nel cuore della città, presente per via della vicinanza della frontiera con l’Algeria.  Proseguiamo per arrivare a Erfoud che si trova proprio alle porte del deserto. Sono due le attrazioni principali della città, il festival dei datteri e l’industria di marmo, nota per i fossili marini risalenti 360 milioni di anni fa. Qui imboccheremo la strada che ci porterà a Merzouga. Arrivo in serata e sistemazione dei mezzi in area riservata. Pernottamento.

11° giorno: 4 aprile 2018

Merzouga

Al mattino escursione guidata in 4×4 nel deserto. Pranzo al sacco (autonomo). Nel pomeriggio arrivo al caratteristico villaggio beduino sempre con i 4×4. Visita dell’oasi e del villaggio , poi incontro con gli abitanti del luogo per poter così venire in contatto con la realtà locale. Merzouga e le sue dune regalano uno spettacolo incredibile. La sensazione che si prova di fronte a questo spettacolo della natura è di quasi impotenza. Il silenzio che ti avvolge, il vento che soffia delicatamente tra i capelli ed il sole che riscalda non solo il corpo, ma anche il cuore. Rientro al parcheggio. Pernottamento.

12° giorno: 5 aprile  2018

Merzouga – (Tinejad-Tamtatouche) Gole del Todra km 210

Oggi non solo tappa di trasferimento, ma un percorso che si snoda tra lunghi rettilinei e pianure dalla rada vegetazione. Attraverseremo distese selvagge e villaggi berberi per arrivare al palmeto, abbondantemente irrigato da una serie di canali e alimentato dal fiume Todra. Per tale ragione il contrasto tra il verde della vegetazione e il rosa delle montagne circostanti è davvero forte. Arrivo alle gole del Todra, uno dei canyon più spettacolari del mondo. Alte pareti di roccia rosa e grigia scavate dall’acqua si aprono davanti agli occhi lasciandovi meravigliati dalla loro imponenza. Pernottamento in camping.

13° giorno: 6 aprile  2018

Gole del Todra –Gole del Dades  – Ouarzazate km 240

Percorrendo la strada della valle del Dades i paesaggi quasi lunari vengono interrotti da numerose oasi, palmeti e bellissime Kasbah, offrendo uno spettacolare contrasto tra le brune formazioni rocciose e i colori brillanti di mandorli, fichi, noci e betulle. Infine si sale fra tornanti scavati sul fianco ripido della montagna e panorami austeri, fino ad arrivare all’imponente canyon che ne è la parte più spettacolare di questa zona. Il percorso prosegue passando per la valle delle rose fino ad arrivare in serata a Quarzazate. Pernottamento in campeggio.

14° giorno: 07 aprile  2018

Ouarzazate – Ait Benhaddou – Zagora km 230

In mattinata visita di Ouarzazate e dintorni.  Nelle immediate vicinanze della suggestiva cittadina vi sono numerosi studi cinematografici, dove vennero e vengono tuttora girati svariati film ambientati nel deserto, tra i quali celebri produzioni epiche hollywoodiane del passato come “Lawrence d’Arabia” e “Il tè nel deserto” oppure “Kundun” di Martin Scorsese.  Continuiamo la giornata con la visita della città fortificata, o Ksar, di Ait Benhaddou che è uno dei siti del Marocco che l’Unesco ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità. Questa bellissima Ksar si trova lungo la strada del commercio che le carovane percorrevano attraverso il deserto del Sahara dal Sudan fino a Marrakech. Per arrivare a Zagora percorriamo la verdissima Valle del Draa che si estende per oltre 80 chilometri. Lungo le sponde del fiume Draa sorgono lussureggianti palmeti, a cui fanno da sfondo imponenti montagne dal colore rossastro. Il paesaggio è davvero incantevole, reso ancor più stupefacente dalle numerose kasbah e ksour che sembrano appollaiati in mezzo alle oasi. Arrivo al camping a Zagora e sistemazione dei mezzi. Pernottamento.

15° giorno: 8 aprile  2018

Zagora e Tamegroute km 60

Giornata di visite all’Oasi di Zagora e a Tamegroute. La città di Zagora offre certamente una delle opportunità fotografiche più emblematiche di tutto il paese: l’insegna diretta verso l’inizio del deserto raffigurata da un cammello e la scritta «Timbuktu, 52 giorni». È la durata stimata della traversata di questo deserto, tra i più ostili al mondo, verso la città più vicina che si trova dall’altra parte del Mali. Visita di Tamegroute, un antico villaggio dove la vita quotidiana è davvero difficile per via del clima torrido e per l’avanzare continuo del deserto. Ma Tamegroute è una tappa importante anche per i pellegrini di cultura islamica, che vengono qui a pregare di fronte alla bella tomba di Mohammed Bou Nasri, fondatore della Biblioteca Coranica. Pernottamento in campeggio.

16° giorno: 9 aprile  2018

Zagora – Foum Zguid – Taliouine Km  370

Partenza di prima mattina per raggiungere Taliouine. Qui inizia il regno dello zafferano. Spezia pregiata, conosciuta fin dall’antichità in tutto il bacino del Mediterraneo, lo zaʻfrān (termine che nella lingua locale richiama la parola “giallo”, come il colore sprigionato dai carpelli del suo fiore) ha scelto questo luogo impervio e di difficile accesso per prosperare e legarsi alle tradizioni di una popolazione che da secoli lo coltiva e ne trae benefici. Visita alla “Coopérative du Safran”. Continuiamo il viaggio dove a dominare il paesaggio ormai brullo, sono gli arbusti nodosi di argan e i greggi di capre ammassati ai lati della strada.  Arrivo a Taroudant, circondata dalle montagne dell’Alto Atlante e da quelle dell’Anti Atlante. Taroudant è una Marrakech in miniatura dove assaporare uno spaccato autentico di Marocco. Sistemazione dei mezzi in campeggio e pernottamento.

17° giorno: 10 aprile  2018

Taroudant – Sidi Ifni  Km 230

Oggi arrivo al punto più a sud del tour. Fermata e visita di Tiznit una piccola e carina cittadina vicino alla costa atlantica. Con 7 km di mura in argilla, 5 porte storiche, porticati bianchi e ocra, Tiznit è la capitale dell’argento. Sorprendente è il tratto di costa che da Tiznit si estende verso Sidi Ifni e la remota Plage Blanche, dove il Sahara incontra l’oceano senza intermediazioni. Arrivo a Sidi Ifni, importante ex città di dominazione spagnola situata sull’oceano, costruita su una piattaforma rocciosa, bordata da scogliere a picco sul mare. Sistemazione dei mezzi nel campeggio e visita della cittadina.  Pernottamento.

18° giorno: 11 aprile  2018

Sidi Ifni – Legzira – Tafraoute km. 190

In mattinata partenza con i camper e visita della spiaggia di Legzira, una magia della natura e del tempo. Il tour continua tra palmeti, granito rosa, case in terra incastonate sui fianchi di montagne rocciose, pietra, olivi, argan e mandorli, lungo una delle strade più spettacolari del Marocco che da Tiznit conduce a Tafraout. Si raggiungono oltre i 1000 metri e una vallata circondata da enormi montagne granitiche. Tafraoute si trova nel cuore di una splendida vallata dell’Antiatlante e al tramonto le rocce assumono sfumature che vanno dall’ocra al rosa. Sistemazione in campeggio e pernottamento.

19° giorno: 12 aprile  2018

Tafraoute – Agadir km 200

Iniziamo la giornata con la visita di Tafraoute che è anche il centro delle ciabatte con punte arrotondate, le cosiddette babbucce. La giornata continua con una escursione tra le rocce. Raggiungiamo a piedi le rocce dipinte di rosso, di blu e di verde. Sono sbiadite, però resta notevole l’effetto visivo in rapporto al paesaggio in cui sono inserite naturalmente. Pomeriggio trasferimento verso Agadir la località balneare più rinomata del Marocco. Arrivo in campeggio e sistemazione dei mezzi. Pernottamento.

20° giorno: 13 aprile  2018

Agadir

Intera giornata libera a disposizione dei partecipanti. Agadir è moderna e apprezzata soprattutto per la sua spiaggia, lunga oltre 10 chilometri, l’ambiente rilassato e la grande ospitalità dei suoi cittadini. Pernottamento in campeggio.

21° giorno: 14 aprile  2018

Agadir – Essaouira km 210

In mattinata ci lasciamo alle spalle la spensierata Agadir e partiamo in direzione di Essaouira che la leggenda vuole fondata dai cartaginesi in luoghi dove vivevano popolazioni berbere. Essaouira è la destinazione più bohèmienne del Marocco e la più bella città costiera, dalle caratteristiche uniche, ad iniziare dalle sue candide case dalle finestre di un inconsueto azzurro brillante. Nel cuore di una fitta foresta di 600 ettari composta principalmente da alberi d’Argan, protetta da una spettacolare duna naturale, si affaccia con 4 km di spiaggia sull’Oceano Atlantico. Arrivo al camping e sistemazione dei mezzi. Pernottamento.

22° giorno: 15 aprile  2018

Essaouira

Intera giornata libera a disposizione dei partecipanti. Si cammina sui bastioni a partire dalla fila di cannoni di diverse epoche della Skala de la Ville, al porto: da qui si ha la veduta più famosa della città. Sempre qui ci si può perdere a lungo a osservare i pescatori che riparano le barche e le reti e il continuo viavai dei gabbiani.  La mattina è affascinante passeggiare nel mercato del pesce, dove viene proposto pescato di ogni tipo e i residenti di città nuova e vecchia si accalcano per contrattare i prezzi. Pernottamento in campeggio.

23° giorno: 16 aprile  2018

Essaouira – Marrakech km 190

In mattinata trasferimento in direzione della mitica Marrakech. Arrivo in camping e sistemazione dei mezzi. Pomeriggio libero a disposizione dei partecipanti. Marrakech è la più importante delle città imperiali. Questa città vivace e affascinante, ha una Medina meravigliosa, e il suo cuore pulsante è piazza Djemaa el Fna dove si incontrano acrobati, incantatori di serpenti, ballerini, musicisti, comici e cantastorie. Pernottamento in campeggio.

24° giorno: 17 aprile  2018

Marrakech

Intera giornata di visita guidata della città in bus. Verranno visitati tutti i più importanti luoghi d’interesse culturale di questa città celebrata in moltissimi film. Al termine dell’escursione rientro al camping e pernottamento.

25° giorno: 18 aprile  2018

Marrakech

Intera giornata libera a disposizione dei partecipanti. Marrakech è una città esotica ed affascinante, economica ed amichevole, ricca di cose da fare e da vedere. Con il suo vecchio nucleo, rimasto immutato nel corso dei millenni, e la città moderna con palazzi di lusso e ristoranti è uno di quei posti che vi faranno innamorare di questo paese. Pernottamento in campeggio.

26° giorno: 19 aprile   2018

Marrakech – Cascate di Ouzoud km 170

In mattinata trasferimento in direzione delle Cascate di Ouzoud. La strada che da Marrakech porta alla provincia di Azilal, attraversa splendide valli di olivi dominate dalle superbe cime innevate dell’Atlante, uno spettacolo stupefacente. Arrivo al camping e sistemazione dei mezzi. Pomeriggio passeggiata alle cascate di Ouzoud. Le cascate sono composte da più salti, per un totale di 110 metri di altezza. Un percorso non troppo sconnesso permette di scendere per tutta la montagna fino alla base delle cascate, dove l’acqua forma piscine naturali e varie anse. Il sentiero offre inoltre alcuni punti panoramici di grande effetto, un mercatino, e diversi ristoranti con vista spettacolare. Pernottamento in camping.

27° giorno: 20 aprile  2018

Cascate di Ouzoud – Casablanca km 370

In mattinata trasferimento in direzione di Casablanca. Altra città simbolo del Marocco immortalata anch’essa come Marrakech in molte pellicole di successo. Nota anche come Casa o Dar El Baida, la città di Casablanca, grazie al suo porto artificiale, è la capitale economica del Marocco dove vengono gestiti la maggior parte dei commerci esteri del Paese. Arrivo in camping e sistemazione dei mezzi. Pernottamento.

28° giorno: 21 aprile  2018

Casablanca – Rabat km 150

In mattinata visita della Moschea di Hassan II a Casablanca. La moschea di Hassan II si erge sull’Atlantico ed è il più grosso edificio religioso al mondo dopo la Mecca, mentre il minareto con i suoi 210 m di altezza è il più alto del mondo. Poi trasferimento in direzione della capitale Rabat e vista della città. Il centro di Rabat è costituito dalla Medina, racchiusa entro le mura del XII secolo. In contrasto con le medine di altre città marocchine, quella di Rabat è caratterizzata da un’atmosfera ordinata e tranquilla. Ha un carattere più prettamente residenziale anche se non mancano le botteghe artigianali che vendono gli oggetti più disparati. Pernottamento in area riservata.

29° giorno: 22 aprile  2018

Rabat – Tangeri – Algesiras km 300

Ultimi km in territorio marocchino. Trasferimento in direzione di Tangeri. Imbarco. Sbarco ad Algesiras. Pernottamento libero.

30° 31° 32° giorni: 23-24-25 novembre  2018

Algesiras – Ventimiglia

Tappe di rientro. Pernottamenti liberi. Arrivo in Italia il 32° giorno.

da Ventimiglia a Azrou

da Azrou a Foum Zguid

da Foum Zguid a Rabat e ritorno

capodanno-marocco1
gran-tour-del-marocco-4
gran-tour-del-marocco-3
gran-tour-del-marocco-2
gran-tour-del-marocco-1